Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed Eventi > Progetto TrasportAci Sicuri

Progetto TrasportAci Sicuri

25.05.2011

Un bambino in auto senza seggiolino, non potendo, vista l’età, agganciarsi alla cintura, in caso di incidente anche a bassa velocità, “vola” dall’auto in direzione del parabrezza o resta schiacciato fra i sedili o rischia seriamente di essere investito dall’airbag in funzione; in tutti questi casi la possibilità che il piccolo passeggero resti incolume o riporti ferite lievi dal sinistro sono quasi del tutto nulle. Ad esempio, in seguito a un impatto a 50 Km/h, un bambino di circa 15 Kg produce una forza d’urto pari ad almeno 250 kg ed in queste circostanze, nel caso in cui non siano stati usati correttamente i sistemi di ritenuta, è impossibile trattenere il bambino con le braccia. Il progetto di educazione stradale “TrasportACI Sicuri”, inteso a informare gli adulti sul modo corretto di trasportare i bimbi in auto, è stato illustrato dal direttore dell’Automobile Club Cuneo Giuseppe De Masi e dal direttore dell’Ufficio provinciale di Cuneo Stefano Dalmasso di Garzegna nel corso della conferenza stampa che si è svolta il 24 maggio nella sede cuneese dell’Automobile Club Cuneo (Piazza Europa). Erano presenti, tra gli altri, il questore di Cuneo Ferdinando Palombi, per il Comando dei Carabinieri il maresciallo Palmas, il direttore dell’Asl di Cuneo Luigi Barbero, l’assessore comunale ai Servizi socio-educativi Erio Ambrosino, la dottoressa Anna Drai della Polizia stradale, il commissario Giuseppe Drammissino per la Polizia municipale. L’obiettivo di questa campagna di sensibilizzazione è quello di dare suggerimenti agli adulti sui comportamenti da osservare nel trasporto dei bambini in automobile, a cominciare dalla scelta del seggiolino ed al suo corretto utilizzo. Pertanto anche nella nostra provincia, come è previsto su tutto il territorio nazionale, si svolgeranno interventi informativi e formativi presso le strutture scolastiche e sanitarie con lo scopo di rendere i genitori o futuri genitori più consapevoli ed informati sui sistemi di ritenuta, come previsto dall’articolo 172 del Codice della Strada. Si tratta di seguire accorgimenti indispensabili all’incolumità dei più piccini, se si pensa che quando un bambino non è ben allacciato anche un urto a 15 Km/h può essere fatale. Tutti dovrebbero sapere che il posto più sicuro sul quale far viaggiare un bambino, con l’apposito sistema di ritenuta, è sul sedile posteriore, che nel caso in cui il seggiolino venga montato sul sedile anteriore in posizione contraria al senso di marcia l’aribag deve essere disattivato… Questi i primi accorgimenti da seguire e altri saranno forniti in dettaglio dal personale specializzato che si occuperà della formazione:Valeria Bernardi e Maria Cristina Fechino, operatrici del settore, hanno indicato le linee principali del progetto, ricordando, tra l’altro che il 40% degli incidenti mortali si verifica su percorsi inferiori a 3 Km, quindi in città. Da parte delle personalità presenti l’apprezzamento per l’iniziativa è stato unanime.