Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie per i soci > L’Aci Cuneo al Santa Croce insegna alle mamme come trasportare i (...)

L’Aci Cuneo al Santa Croce insegna alle mamme come trasportare i bimbi in auto

04.06.2014

L’incontro, organizzato dal direttore dell’Automobile Club Cuneo Giuseppe De Masi in collaborazione con l’equipe del reparto diretto dal dottor Paolo Gancia, ha visto la partecipazione attiva di una decina tra mamme e papà, che attraverso immagini e proiezioni fornite dal personale dell’unità territoriale Aci di Cuneo,
 composto da Valeria Bernardi e Stefano Dalmasso di Garzegna, hanno potuto assistere ad una sorta di corso in materia di sicurezza stradale, ricevendo preziose informazioni sulla scelta del seggiolino e dei sistemi di ritenuta più adatti e sicuri alle esigenze dei propri figli, come previsto dall’articolo 172 del Codice della Strada.

“L’Aci ha attivato degli incontri gratuiti per la sicurezza dei più piccoli in auto già nei consultori di Cuneo, presso gli asili e nelle scuole elementari – afferma il direttore dell’Automobile Club Cuneo, Giuseppe De Masi -. L’obiettivo è ora quello di estendere questi incontri anche in altri luoghi sensibili come l’ospedale di Cuneo. ‘TrasportACI Sicuri’ è un progetto a cui crediamo molto perché la sicurezza stradale e l’educazione stradale fanno parte del dna dell’Automobile club”. L’obiettivo è dare qualche informazione in più per chi ha a che fare con bambini, anche appena nati, che devono essere trasportati in auto. “Si tratta di seguire accorgimenti indispensabili all’incolumità dei più piccini – prosegue De Masi -: basta pensare che in seguito a un impatto a 50 Km/h, un bambino di circa 15 Kg produce una forza d’urto pari ad almeno 250 kg ed in queste circostanze, nel caso in cui non siano stati usati correttamente i sistemi di ritenuta, è impossibile trattenere il bambino con le braccia”. Le statistiche dicono che ancora oggi c’è poca sicurezza per i bambini in auto: solo 4 su 10 viaggiano su un seggiolino, mentre l’88% degli adulti indossa regolarmente le cinture di sicurezza. L’uso dei sistemi di ritenuta per i più piccoli diminuisce del 50% per i brevi spostamenti in città, dove invece si concentrano il 70% degli incidenti stradali. Nel 2012, in provincia di Cuneo, sono stati ben 78 i bambini rimasti feriti in incidenti stradali tra veicoli (25 fino a 5 anni, 18 nella fascia 6-9 anni, 35 nella fascia 10-14 anni).

“Abbiamo colto volentieri l’invito dell’Aci di Cuneo per questo progetto di fondamentale valenza sociale – afferma il dottor Paolo Gancia, direttore del reparto di Terapia intensiva Neonatale del Santa Croce di Cuneo -. Riteniamo sia fondamentale informare i genitori sull’uso corretto di navicelle e seggiolini. Cercheremo di organizzare altri incontri secondo un calendario programmato mensilmente”.